Spread the love

Il Vermentino di Gallura Docg della Sardegna

wine 3805271 1920 1030x960 - Il Vermentino di Gallura Docg della SardegnaSe questa estate hai bevuto un vino che proveniva dalla Sardegna, molto piacevole e non ti ricordi come si chiama, potrebbe trattarsi del Vermentino di Gallura. In questo articolo che ho scritto per te, potrai scoprire quanto c’è da sapere su questo vino dell’isola sarda.

Il Vermentino di Gallura

Si produce nella parte nord orientale della Sardegna, in una zona chiamata Gallura. È una nota docg italiana (denominazione di origine controllata e garantita ). Il Vitigno che interpreta il territorio di questo vino sardo si chiama Vermentino. Di provenienza spagnola quasi certamente è ampiamente colivato anche nella penisola Iberica e nelle coste della Liguria.

Diffusione

In Saregna compare non molto tempo fa, diciamo negli ultimi anni del 1800, Proprio in Gallura. Oggi si afferma come uno dei più noti vini taliani docg.

Qui il vento di maestrale e la terra arsa rendono difficili le opere agricole. Il Vermentino invece emerge dalla terre di Sardegna con personalità e carattere, restituendo nel vino che ne prende il nome un territorio unico al mondo.

I comuni di Aggius, Aglientu, Arzachena, Badesi, Berchidda, Bortigadas, Calangianus, Golfo Aranci, Loiri Porto San Paolo, Luogosanto, Luras, Monti, Olbia, Oschiri, Palau, S. Antonio di Gallura, S. Teresa di Gallura, Telti, Tempio Pausania, Trinità d’Agulto, Viddalba in provincia di Sassari e tutto il territorio dei comuni di Budoni e S. Teodoro in provincia di Nuoro, lo ospitano e lo esaltano con la loro bellezza.

Caratteristiche

Il Vermentino di Gallura si presenta giallo paglierino, con un colore estivo e brillante talvolta accompagnato da bei riflessi verdognoli che ne esprimono la freschezza. Un vino di mare e di sole.

Ha un profumo intenso, ma delicato. un contrasto che bene racconta la terra da dove viene, cruda e meravigliosa allo stesso tempo. Come tutti i vini nati al sole ha un buon titolo alcolico che gli conferisce morbidezza, si esprime con una nota leggermente amara ma molto piacevole.

Spesso ha un sapore leggermente sapido a seconda dei vigneti e della loro composizione territoriale.

Abbinamento

Niente male per iniziare con un bel aperitivo, magari al tramonto o prima di un pranzo in spiaggia. Servendolo fresco, anzi freddo direi per esaltare l’acidità. Lo proverei su risotti delicati ai frutti di mare e molluschi, piatti a base di pesce anche crudo.

Se hai delle domande da farmi riguardo questo o altri vini scrivi pure qui sotto nella sezione commenti e ti risponderò.

Bernardo Hoyng

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Spread the love